Aquazzura cutout pointed pumps Blue farfetch blu aoEZ2

SKU-176610-gde587
Aquazzura cutout pointed pumps - Blue farfetch blu aoEZ2
Aquazzura cutout pointed pumps - Blue farfetch blu aoEZ2

8° Festival di Scirarindi

Sabato 1 e Domenica 2 Dicembre 2018

Padiglioni B, G e I, e Palazzo dei Congressi della Fiera Internazionale della Sardegna (ingresso da Viale Diaz)

Cagliari

Orari : Sabato 1 Dicembre: ore 10 – 22 Domenica 2 Dicembre: ore 10 – 22

INGRESSO

La manifestazione è promossa e interamente organizzata dalla Associazione Culturale Scirarindi e non gode di alcun finanziamento pubblico.

A sostegno dell’evento è prevista un contributo di partecipazione di € 5,00 per i visitatori che abbiano compiuto i 16 anni di età. Si potrà accedere liberamente a tutte le conferenze e le presentazioni, ai workshop, ai laboratori esperienziali, alle dimostrazioni pratiche ai trattamenti e alle consulenze individuali, alle lezioni di gruppo, alle degustazioni …

DOVE SIAMO:

Consulta la mappa:

COME ARRIVARE

Coerentemente con i contenuti de “Il Festival di Scirarindi”, i visitatori sono invitati a raggiungere la Fiera di Cagliari con qualsiasi mezzo non inquinante

In collaborazione con il CRiMM, Centro di Ricerca sui Modelli di Mobilità del Dipartimento di Ingegneria del Territorio dell’Università di Cagliari , promuoviamo modalità di accesso sostenibile alla manifestazione-

A piedi o in bici per chi può. In treno in autobus: In auto con il Car Sharing ZeusDione Sandali Sparta Black farfetch Pelle 4lyxAh

DOVE DORMIRE

Per chi viene da fuori Cagliari, abbiamo stabilito delle convenzioni con la principale associazione di BB della città: tutte le strutture aderenti applicheranno uno sconto del 10% sul soggiorno per i visitatori e gli espositori della manifestazione. Verificare direttamente sul sito di: Chuck Taylor All Star Ombre Wash Low Top converse viola Estate oi0ponB

Domus Karalitanae

Abbiamo inoltre una convenzione con l’affittacamere Sardinia Domus , che ha garantito uno sconto sui prezzi di listino.

Sardinia Domus

Vi segnaliamo anche le Promozioni Speciale Festival Scirarindi gentilmente offerte da MTNG Donna amazonshoes beige DqK2d
10% di sconto sulle tariffe consultabili sul sito della struttura.

La Villa del Mare:

Inauguriamo quest’anno la partnership con Sandali Marc Jacobs donna in pelle multicolore italianboutique marroni Multicolore EG5dUz
che offre le seguenti tariffe: Camera singola € 74,00 e Camera doppia € 108,00

l’Hotel Panorama

Ecco la promozione di STELLABERG CALZATURE yoox beige Camoscio Y8D3V
per chi prenota direttamente al numero 3287265274: 1 persona € 70, 2 persone €80, 3 persone € 90. Agli ospiti che partecipano a Scirarindi sarà offerto un vassoio cortesia.

Per il consumatore
TV memo

Per ricevere una email o un SMS che ti ricordi i programmi che ti interessano devi accedere con il tuo Sky iD

Non sei registrato? Mustang Stivali BRIGA spartooshoes marroni Inverno mEym9JgGt

Registra

Per utilizzare il servizio Registra devi essere iscritto all'area riservata come cliente e avere il decoder My Sky

Non sei registrato? Crea subito il tuo Sky iD

I miei programmi

Per aggiungere questo programma alla lista dei tuoi preferiti devi accedere con il tuo Sky iD

Non sei registrato? Crea subito il tuo Sky iD

TV memo

Vuoi essere avvisato con un SMS o una email quando sta per iniziare il programma? Scegli come preferisci ricevere il messaggio.

*Scopri costi e tariffe SMS

Cos´è il TV Memo? Marc Ellis logo slides White farfetch neri Senza tacco 1NenicB

Registra

Hai scelto di registrare con Registra. Conferma subito la tua scelta

Scegli una smartcard My Sky su cui registrare:

I tuoi registra POESIE VENEZIANE Tronchetti donna nero quellogiusto neri Pelle iAnLnw

I miei programmi

Sei sicuro di aggiungere questo programma alla tua guida personale?

I tuoi registra Scopri di più

TV memo

Cos´è il TV Memo? Scopri di più

TV memo

Hai scelto di ricevere un SMS di avviso al numero: NUMERO DI TELEFONO

NUMERO DI TELEFONO

Cos´è il TV Memo? Scopri di più

TV memo

Un SMS ti ricorderà questo evento al tuo numero

Cos´è il TV Memo? Scopri di più

TV memo

Hai scelto di ricevere una email di avviso all' indirizzo: MAIL

Cos´è il TV Memo? Scopri di più

TV memo

Al mattino riceverai una email con i programmi che hai selezionato per la giornata

Cos´è il TV Memo? Scopri di più

TV memo

Hai raggiunto il limite di sms inviabili al giorno

Cos´è il TV Memo? Scopri di più

TV memo

Il servizio non è al momento raggiungibile. Riprova più tardi

Cos´è il TV Memo? Scopri di più

Registra

I tuoi registra Scopri di più

Registra

Registra a distanza ha ricevuto la tua richiesta e sta registrando per te il programma che hai selezionato

Nel video sottostante, la lezione della storica valdese Letizia Tomassone sul contenuto universalistico, emancipativo, della lettura della Bibbia e la London Rebel Scarpe da ginnastica con fasce elasticizzate Nero asos grigio Estate 7EV2Iwruo
nel contesto della riforma della chiesa e della società. Al temine della lezione, le considerazioni sulla reazione alla libertà delle donne nello stesso contesto protestante.

contenuto universalistico, emancipativo, della lettura della Bibbia e la «presa di parola» delle donne

La collocazione tradizionale delle donne ai margini come soggetto che non ha facoltà di parola nei momenti decisivi, nei concili, nelle facoltà di teologia o nelle cattedrali è qualcosa che è rimasta a lungo è […] anche nel protestantesimo. Questa marginalità, questa sottomissione, non può essere dimenticata in un momento. Per Calvino, uomini e donne sono uguali davanti a Dio, ma l’ordine del mondo riposa anche sulla sottomissione delle donne […] quindi le donne vengono tacitate e vengono inviate al rogo, tanto nel mondo cattolico che in quello protestante. Loro insisteranno, credendo che la loro libertà venisse da Dio e non avesse bisogno del riconoscimento degli uomini per essere esercitata…

C’est le peuple qui établit les rois, qui leur met les sceptres dans les mains, et qui par ses suffrages approuve leur élection.

[È il popolo che incorona i re, che mette lo scettro nelle loro mani e che approva la loro elezione col voto] Hubert Languet (1518-1581)

Christ, not man, is King. Oliver Cromwell (1599-1658)

Where the Spirit of the Lord is, there is Liberty. Paolo di Tarso, S econda Epistola ai Corinti (3:17) su una bandiera del bicentenario della Rivoluzione americana (1776-1976)

Nel XVI e XVII secolo, mentre infuriavano le guerre di religione, i calvinisti francesi teorizzarono la sovranità popolare e svilupparono una originale dottrina politica che legava l’azione del sovrano al consenso popolare e la legittimità della ribellione e del tirannicidio.

calvinisti francesi sovranità popolare legittimità della ribellione e del tirannicidio.

Sono detti monarcomachi quei teorici del XVI e XVII secolo – soprattutto – ugonotti « qui combattent le gouvernement d’un seul », cioè la monarchia assoluta , difendendo la tesi di una monarchia contrattuale – un antecedente storico di quella che sarà molto più tardi la monarchia costituzionale.

monarcomachi quei teorici del XVI e XVII secolo « qui combattent le gouvernement d’un seul », cioè la monarchia assoluta

Théodore de Bèze

In Francia e Svizzera furono inizialmente gli ugonotti Théodore de Bèze, Philippe de Mornay, François Hotman, Hubert Languet , a rivendicare la sovranità del popolo e a sostenere che gli Stati Generali, in quanto assemblea del popolo, dovevano scegliere il re e i magistrati, potevano destituirli in caso di demerito, decidere la pace e la guerra e fare le leggi. Se la sovranità è del popolo, sostennero i monarcomachi, anche la sua obbedienza è condizionale e riposa sul rispetto delle promesse da parte del re (in seguito, sul rispetto della legge da parte del sovrano). Nel caso in cui il re si comporti da tiranno, la resistenza è dunque legittima , secondo alcuni, fino al tirannicidio.

Il Fatto Alimentare

/ Olgana Ciabatta con pelliccia Black farfetch neri Dwmiw2id
/ I programmi televisivi per dimagrire destinati a bambini e adolescenti obesi possono aiutare? Gli esperti dicono di no

11 febbraio 2012 Nutrizione Commenti

È boom in tv di reality che abbiano per protagonisti bambini o adolescenti in sovrappeso oppure obesi . Su MTV, per esempio, va in onda , programma made in Usa dedicato – si legge sul sito – a “ragazzi un po’ in carne che vogliono perdere peso prima di iniziare il college”. Come? Con l’aiuto di un coach che li incita a seguire uno schema durissimo di dieta e di esercizi fisici. Josh, per esempio, pesa 143 kg, è molto goloso e un po’ pigro. Un giorno, però, nella sua vita irrompe “l’energumeno tatuato” Joey, il trainer, e tutto cambia: niente più hamburger e pancake al cioccolato e bando alla pigrizia. In palestra, Josh comincia a sollevare pesi, correre, salire scale e così via. Dopo 110 giorni, la prova bilancia è un trionfo: il ragazzo andrà al college con 53 kg in meno.

Su RealTime un altro programma americano , , segue le vicende di un gruppo di giovani obesi in una scuola particolare, in cui non solo si studia ma si sta anche a dieta e, di nuovo, si fa della grande attività fisica. E ancora, su FoxLife è arrivato a fine novembre Bugatti 422291035900 amazonshoes neri Zda7C
, programma di rieducazione sul modello del fortunatissimo . Il format è della BBC, ma adattato alla produzione italiana, con un’atmosfera visibilmente meno competitiva ed esasperata di quella dei americani. Punto di forza del programma è il conduttore Marco Bianchi, autorevole figura di “scienziato-chef”, con un lavoro all’Istituto europeo di oncologia e una passione per cucina e alimentazione naturale. In ogni puntata Bianchi guida una famiglia con un bambino o una bambina con problemi di peso a scelte più consapevoli in fatto di stile di vita, assistendo nella spesa di cibo e proponendo ricette più salutari.

La vasta offerta di programmi di questo tipo risponde evidentemente a una domanda: le vicende dei ragazzi “in crisi di peso” appassionano e la proposta di SPAZIOMODA CALZATURE yoox blumarino Pelle 53Kid8OvT
(dalle zucchine ripiene con ricotta e broccoli alle palline dolci di semolino e cocco) attira. Del resto, anche in Italia l’obesità infantile ha raggiunto livelli preoccupanti: si stima che nel nostro paese il 23% di bambini tra gli 8 e i 9 anni sia in sovrappeso e il 12% sia obeso. Più di uno su tre.

Ma un reality che ruoti attorno a una bilancia può davvero fare qualcosa per curare o prevenire l’obesità? O magari anche soltanto per promuovere la consapevolezza delle famiglie sul tema? Il Fatto Alimentare lo ha chiesto ad alcuni esperti che si occupano di obesità e disturbi del comportamento alimentare (DCA), specialmente sul fronte infantile: Alessandro Sartorio, primario endocrinologo dell’Istituto auxologico italiano, Laura Dalla Ragione, psichiatra e psicoterapeuta, responsabile del centro DCA Palazzo Francisci di Todi, Simone Pampanelli, endocrinologo dell’Ausl 2 di Perugia infine Adriano Cattaneo, del dipartimento di epidemiologia, prevenzione e qualità delle cure dell’ospedale pediatrico Burlo di Trieste.

Il loro giudizio nel complesso non è affatto positivo . Se può essere importante parlare del problema (e non è detto che sia così) e magari presentarlo in tv anche attraverso le modalità narrative del reality, più accattivanti, i contenuti proposti da quello che passa oggi sullo schermo non sono adeguati, quando non addirittura controproducenti. Vediamo in dettaglio gli aspetti più critici segnalati dagli esperti.

Semplificazione e banalizzazione

«L’obesità infantile è una malattia grave e complessa, di origine multifattoriale», spiega Alessandro Sartorio, che è anche promotore del sito educativo www.cresceresani.it. «Sono coinvolte componenti genetiche, psicologiche, sociali: non la si può ridurre a una questione di peso da affrontare con una dieta drastica e un’attività fisica estenuante, con il solo aiuto di un coach. Ci vuole un approccio multidisciplinare, che segua il piccolo paziente in un percorso lungo e lento: un aspetto che non emerge affatto dai reality». Pienamente d’accordo Simone Pampanelli: «L’unica possibilità per vincere la malattia è lavorare contemporaneamente su più fronti: non basta un trainer che inciti a fare del proprio meglio, né un cuoco che consigli ricette, neppure le migliori del mondo».

Diete troppo drastiche

«Quando lavoriamo con i bambini non parliamo mai di cibo. Al massimo, ne parliamo con i loro genitori, per indirizzarli a scelte più consapevoli e salutari, ma sempre nell’ambito di un percorso che tenga conto di molti altri aspetti», racconta Pampanelli. «Intanto perché se un bambino mangia troppo in genere è per via qualche altro disagio più profondo, per cui è bene cominciare a far emergere quel disagio. E poi perché non possiamo dimenticare che fuori dall’ambulatorio c’è comunque una realtà fatta di compleanni da Mc Donald’s, di merendine e di bibite zuccherate: non possiamo togliere di punto in bianco a un bambino le cose che fanno parte della sua infanzia». Del resto, ormai lo sappiamo tutti: facendo una dieta drastica si può anche dimagrire abbastanza velocemente, ma di norma il peso perso lo si riprende tutto (e anche di più). «E senza contare – conclude Sartorio – che i bambini devono crescere e una dieta troppo restrittiva per loro non va affatto bene».

Detto questo, ben vengano gli sforzi per proporre alle famiglie nuove idee in cucina , per preparare in modo più appetitoso i cibi “sani” che in genere i bambini rifiutano, come le verdure. Ma attenzione che siano davvero fattibili e ben accolte: il tempo a disposizione per cucinare è comunque poco e se è vero che un panino integrale con crema di tofu e olive è sicuramente più sano di un hamburger con salse e patatine, bisogna poi essere sicuri che i bambini lo mangino davvero.

Esercizi estremi

Soprattutto nei reality di matrice americana, la parte sull’attività fisica sembra tratta da un programma di allenamento per campioni olimpici. «Eppure quelli che si sforzano a correre e a saltare non sono campioni e neanche sportivi: anzi, non sono neppure persone sane, ma malati», precisa Sartorio. «Per di più, le nostre ricerche hanno mostrato che, per essere davvero efficace nel bruciare i grassi, l’attività fisica fatta dai ragazzini deve essere a bassa intensità: proprio il contrario di quello che si vede in tv». Per questo nei centri che si occupano di obesità infantile si parla piuttosto di arrività fisica “adattata” e si cerca di motivare bambini e ragazzi al movimento all’aperto. Insomma non è detto che serva la palestra, che magari è anche costosa: basterebbe stimolare i bambini a giocare fuori.

Psicologia del “se vuoi puoi” e del “tutto subito”

Tanta forza di volontà: per dire no a gelato e patatine e per resistere all’ennesima flessione. Sembra questo, alla fine, l’ingrediente fondamentale della maggior parte dei reality sull’obesità, in cui il coach ha proprio il ruolo di convincere il protagonista di turno che se si impegna può farcela davvero. Ma non c’è messaggio più sbagliato, per Simone Pampanelli e Laura Dalla Ragione. «L’abbiamo detto: l’obesità una malattia multifattoriale, spesso con una forte componente psicologica. La forza di volontà del singolo non basta affatto», precisano. Per di più, puntare tutto sulla volontà del singolo significa lasciarlo ancora più frustrato se non riesce a perdere peso. E ancora: «Certi programmi esaltano la forma fisica come rinforzo del legame tra aspetto e felicità», spiega Dalla Ragione. «Si rischia che nella mente dei giovani spettatori si rinforzi l’equazione perdere peso uguale a essere sexy e felici. Ma se il peso in eccesso è, tra le altre cose, il sintomo di un disagio psicologico profondo, dimagrire non serve a far sparire quel disagio. Per questo noi lavoriamo piuttosto sull’accettazione del corpo, come unico e speciale».

Puntare tutto sulle scelte individuali

Anche chi studia l’obesità attraverso la lente dell’epidemiologia, come fa Adriano Cattaneo, ha qualcosa da ridire sull’efficacia dei programmi di cui abbiamo parlato come deterrente per arginarne la diffusione. «Tutti puntano a prevenire o ridurre l’obesità modificando i comportamenti individuali, ma ormai sappiamo che quando si ragiona in termini di popolazione questo approccio è sbagliato», afferma l’esperto. «In generale, i comportamenti individuali dipendono solo in piccola parte dalle decisioni individuali e in misura maggiore da una serie di fattori detti determinanti sociali che possono andare dal livello d’istruzione al reddito, dall’occupazione alla possibilità di accesso a informazioni o a pubblicità, dalla disponibilità di sistemi di trasporto attivo ai sistemi di tassazione e così via.

Sono proprio gli interventi sui determinanti sociali a cambiare collettivamente i comportamenti : nel caso del fumo, per esempio, hanno fatto di più certe leggi e il cambiamento di certi modelli (come il cinema di Hollywood) del counseling dei medici di famiglia ai singoli pazienti. Per l’obesità è lo stesso: meglio una bella legge che proibisca la pubblicità di alimenti per bambini o tassi al 500% le bibite zuccherate, piuttosto che un reality con personal trainer».

Valentina Murelli

Foto:Photos.com

Condividi

Tag abitudini alimentari bambini Bow Front Mule Loafers boohoo neri Floreale VpGyc0
REEBOK SLIP ON FURYLITE FURYLITE LEO BLACK/WHITE/GOLD mascheronistore neri Primavera YRJHMqNh
televisione

Trusted Links
Calvin Klein Zinah Metal Canvas/Flocking amazonshoes neri eOCDd
westwing.at westwing.ch dalani.it 574 Resort Sporty newbalance grigio Camoscio 97HF6K06
westwing.es westwing.nl westwing.be westwing.pl westwing.cz westwing.sk westwing.ru westwing.kz westwing.com.br
© 2018 Westwing S.r.l
Versione mobile